In evidenza

Assemblea Soci

Buona la prima!

Nessuno di noi immaginava come sarebbe stato questo primo anno associativo…

L’assemblea annuale dei soci è stata un’occasione d’incontro di idee e pensieri per costruire un percorso insieme.

Dopo l’approvazione all’unanimità del bilancio consuntivo del 2020, sono state rinnovate le cariche sociali del Direttivo, valide per il prossimo triennio. Confermati tutti i componenti in essere, dopo la sostituzione, nei mesi scorsi, del consigliere e socio fondatore Marco Candian, che ringraziamo della disponibilità finora dimostrata, certi che la nostra fratellanza in ADFe continuerà a lungo! Un benvenuto a Francesco Dalla Ca’, che fin da subito si è reso disponibile a contribuire, con le sue competenze, al nostro progetto.

Di seguito, i nominativi del Consiglio Direttivo eletto:
Sara Pozzati – Presidente
Maria Paganini – Vicepresidente
Mario Siano – Tesoriere
Mirko Baraldi – Consigliere

Paolo Cestari – Consigliere
Francesco Dalla Ca’ – Consigliere
Federica Guidetti – Consigliere
Elsa Tartarini – Consigliere
Moris Vezzali – Consigliere

Elisa Foiani – Segretaria

Grazie ai SOCI presenti (anche a quelli non catturati dallo screenshot)… Con la consapevolezza che c’è tanto lavoro e cammino da fare insieme, continuiamo questa avventura con entusiasmo e passione, nella speranza di crescere sempre più!

Buon lavoro al Consiglio Direttivo per i prossimi tre anni.

Camminata sulle mura di Ferrara con ADFe

Dopo un lungo periodo trascorso in casa, tra mille dubbi e paure, finalmente il ritorno alla vita “normale” sembra sempre più vicino.

Abbiamo per questo pensato di trovarci per una camminata in compagnia sulle nostre bellissime mura. Sarà l’occasione per presentarci e, ci auguriamo, iniziare finalmente insieme un percorso fatto di condivisione, aiuto reciproco e tanto buon umore.

Come scrisse il filosofo Friedrich Nietzsche “Tutti i più grandi pensieri sono concepiti mentre si cammina”, ci piace pensare che questa frase riassuma il senso di questa prima iniziativa.

Non prendere impegni il prossimo 17 giugno e vieni alla “Camminata con ADFe”; ci troviamo verso le 18.45 nel parcheggio attiguo alla Farmacia Comunale nr. 1 – Porta Mare , per partire tutti insieme (pur mantenendo le giuste distanze nel rispetto delle normative anti-Covid) verso le ore 19.00 dal Torrione San Giovanni. Percorrendo le mura cittadine arriveremo fino alla fine di Viale Belvedere per poi fare ritorno; la camminata di 6 km avrà una durata di circa 90 minuti.

La camminata è aperta a tutti i Soci di ADFe, se hai piacere di partecipare in compagnia di un familiare, un figlio o un amico, sarà l’occasione buona per iscriverlo come nuovo Socio, versando la quota associativa annuale (10€) – l’iscrizione potrà essere fatta in loco poco prima della partenza.

Ti aspettiamo …. non mancare!!

RISCHIO DI MALATTIE CARDIOVASCOLARI NELLE DONNE CON DIABETE DI TIPO 2. SI CERCANO VOLONTARIE PER LO STUDIO DEL S. ANNA E DELL’UNIVERSITA’.

Al via a Ferrara il primo studio italiano, per individuare, nelle particelle che trasportano i grassi, i meccanismi alla base delle diverse funzioni, che potrebbero risentire del sovrappeso, delle abitudini di vita, dei fattori di stress sociale e lavorativo, dell’alimentazione, della menopausa e del diabete, nelle donne tra i 36 e i 65 anni.

Per avere informazioni e partecipare (si ricercano solamente donne con diabete di tipo 2), si può scrivere a salutedigenere@gmail.com, indicando nome, cognome e recapito telefonico.

Fonte: https://www.ospfe.it/area-comunicazione/news/rischio-di-malattie-cardiovascolari-nelle-donne-diabetiche-si-cercano-volontarie-per-lo-studio-del-s-anna-e-dell2019universita2019

Continua a leggere “RISCHIO DI MALATTIE CARDIOVASCOLARI NELLE DONNE CON DIABETE DI TIPO 2. SI CERCANO VOLONTARIE PER LO STUDIO DEL S. ANNA E DELL’UNIVERSITA’.”

“Un CAFFÈ con ADFe”

Non possiamo più aspettare…

in attesa di incontrarvi in presenza…

vorremmo fare due chiacchiere…

per affrontare tematiche fondamentali per la gestione del diabete…

in un ambiente amichevole e di condivisione…

con noi di ADFe e il dott. Marcello Monesi (Diabetologo presso “CAD” AUSL Ferrara)

Tre appuntamenti online, sabato dalle 14.30 alle 15.30… il tempo di un caffè dopo pranzo 😉

aLiMeNtaZiOnE – 15 maggio

sPoRt – 5 giugno

TeCNoloGIa – 26 maggio

Save the date!!

Tutte le info qui “UN CAFFÈ con ADFe”

Persone con diabete: al via le vaccinazioni dal 15 Marzo

Continua la campagna di vaccinazione contro il Covid-19, in Emilia Romagna, coinvolgendo due ulteriori categorie di cittadini: le persone di età compresa tra i 75 e i 79 anni e coloro che rientrano nella categoria degli “estremamente vulnerabili”, così definita a livello nazionale in relazione a determinate problematiche di salute.

Le persone tra i 75 e i 79 anni potranno prenotare la vaccinazione telefonando al Centro Unico di Prenotazione (CUP), numero 800 532 000, da lunedì a venerdì, dalle 8 alle 17; sabato dalle 8 alle 13; o nelle farmacie che effettuano servizio di prenotazione CUP; online attraverso il Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE), l’App ER Salute, il CupWeb (www.cupweb.it). Per prenotarsi non serve la prescrizione medica: bastano i dati anagrafici – nome, cognome, data e comune di nascita – e il codice fiscale.

Le persone definite “estremamente vulnerabili”, indipendentemente dall’età, non dovranno prenotarsi, in quanto saranno contattate direttamente dalle Aziende Sanitarie di riferimento.

Fonte: Regione Emilia Romagna (qui).

Vaccino Covid-19 & Diabete/Fase 2

Proprio in questo momento è in corso la Conferenza Stato Regioni convocata oggi, 09/02/20 alle ore 15.30, in seduta straordinaria. Al punto 3 dell’ordine del giorno l’informativa sul Piano nazionale vaccini contro Sars-coV-2 – priorità per l’attuazione della fase due. (convocazione e odg qui)

Il documento a cura del Ministero della Salute, del Commissario per l’Emergenza, Aifa, Iss e Agenas, e presentato oggi, fissa l’ordine di priorità delle categorie di cittadini per la fase due. Il criterio per stabilire tale priorità è quello del maggior rischio di legalità correlato al Covid-19.

La categoria 1 comprende le persone estremamente vulnerabili: persone affette da condizioni, per danno d’organo pre-esistente o per ragione di una compromissione della risposta immunitaria a SARS-coV-2, hanno un rischio particolarmente elevato di sviluppare forme gravi o letali di Covid-19.

Tra le persone estremamente vulnerabili ci sono soggetti (over 18 anni) con diabete di tipo 1, diabete di tipo 2 che necessitano di almeno 2 farmaci ipoglicemizzanti o che hanno sviluppato una vasculopatia periferica (con indice di fontaine maggiore o uguale a 3)

Più info qui

Ora aspettiamo il decreto attuativo e poi sta alle Regioni… #staytuned

“INCEPTOR: una speranza concreta nella cura del diabete”

Da un articolo pubblicato sul sito tech.icrewplay.com. Leggi tutto l’articolo qui.

Sara Pozzati, presidente ADFe, ci spiega…

perché è interessante questa notizia?!

Un team di ricercatori dell’Università di Monaco (Germania) ha scoperto un nuovo recettore, Inceptor, inibitore dell’insulina. La ricerca, ha dimostrato che la funzione di questo recettore è quella di proteggere le cellule beta del pancreas, responsabili della produzione di insulina. Se pensiamo che il diabete di tipo 1, autoimmune, è causato dalla distruzione di questo tipo di cellule, tale scoperta potrebbe portare allo sviluppo di farmaci che permettono la rigenerazione delle cellule beta, andando a curare definitivamente questa malattia.

La ricerca è pubblicata sulla rivista scientifica Nature, qui.

(fonte: tech.icrewplay.com/inceptor-una-speranza-concreta-cura-del-diabete)

…quali possibilità apre questa scoperta?

Come spiega Lickert, autore dello studio, “l’insulina non è una cura per il diabete, ma un trattamento dei sintomi” e l’“obiettivo per la ricerca futura è fare leva sulla scoperta di inceptor e sviluppare farmaci per la rigenerazione delle cellule beta. Questo potrebbe essere utile per i pazienti con diabete di tipo 1 e 2 e alla fine portare alla remissione del diabete”.

O in altre parole, come specifica Tschöp, CEO di Helmholtz Zentrum München, “cento anni fa, la scoperta dell’insulina ha trasformato una malattia mortale in una malattia gestibile. La nostra scoperta del recettore inibitore dell’insulina ora è un altro passo importante per sbarazzarci finalmente della malattia”.